logo tiscali tv

Miss Usa e Miss Teen Usa rinunciano al titolo: le parole delle madri sugli abusi che hanno subito

Maltrattate, abusate, bullizzate e messe all'angolo. E' toccato alle madri parlare a nome delle figlie in quanto le Miss sono vincolate ad un accordo di non divulgazione.

Miss Usa e Miss Teen Usa rinunciano al titolo le parole delle madri sugli abusi che hanno subito
di Redazione

Leggi più veloce

E' scoppiata una bufera negli Stati Uniti. Le due regine di bellezza Miss Usa e Miss Teen Usa hanno rinunciato al titolo e le loro madri hanno spiegato perché: "Maltrattate, abusate, bullizzate e messe all'angolo". Barbara Srivastava, madre di Miss Teen Usa, Uma Sofia Srivastava e Jackeline Voigt, madre di Miss Usa, Noelia Voigt, sono state intervistate da Good Morning America, il talk show mattutino di Abc.

Miss Usa e Miss Teen Usa rinunciano al titolo le parole delle madri sugli abusi che hanno subito

"Il lavoro dei loro sogni si è trasformato in un incubo". E' toccato a loro parlare a nome delle figlie in quanto le Miss sono vincolate ad un accordo di non divulgazione. Le due mamme hanno chiesto le scuse da parte di Miss Universe Organization, l'ente che organizza i due concorsi. Il motivo sono il trattamento a cui sono state sottoposte le figlie. La prima a cedere il titolo è stata Voigt, che in un post sui social media ha fatto riferimento a problemi di salute mentale. Alcuni fan hanno tuttavia speculato che il significato nascosto del suo messaggio fosse "sono silenziata". Il giorno dopo si è dimessa anche Srivastava. Ha motivato il suo gesto affermando che i suoi valori personali "non sono più completamente in linea con quelli dell'organizzazione".

Cosa chiedono le madri

Le donne hanno chiesto il boicottaggio di tutti i concorsi legati a Miss Usa. Anche Stephanie Skinner, seconda classificata a Miss Teen Usa, ha detto di non volere la corona in solidarietà verso le sue colleghe. Non sono solo le due madri a denunciare abusi. Anche Claudia Michelle, ex direttrice dei social media del brand, ha parlato di ambiente di lavoro "tossico e segnato dal bullismo". E ha continuato: "Le reginette avrebbero il diritto di essere ascoltate e non zittite", ha scritto in un post su Instagram.

17/05/2024