Milleunadonna

Come far maturare in poco tempo l’avocado, fare le patatine fritte light e croccanti e tanti altri trucchi che ci aiutano in cucina

Quindi, vi illumino un po' la rotta con qualche suggerimento super smart per rendere la nostra estate più leggera, meno faticosa e soprattutto molto più divertente.

Come far maturare in poco tempo l’avocado, fare le patatine fritte light e croccanti e tanti altri trucchi che ci aiutano in cucina
shutterstock.com

Io chiamo questi trucchetti, shortcuts, ovvero scorciatoie, perché quando si naviga in cucina, tanti possono essere gli ostacoli che ci fanno sprecare tempo e denaro, e ci vuole poco a perdere la bussola e finire alla deriva, magari optando per un take out non previsto! 

Patatine fritte più leggere, croccanti e saporite

Cominciamo con un consiglio interessante per mantenere le patatine fritte più leggere, croccanti e saporite:

immergiamo le palatine già tagliate e crude, dentro del latte lasciandole in ammollo per 10 minuti e asciughiamole con della carta da cucina prima di friggerle. Il latte saturerà le patate in modo tale che l’olio bollente, non possa penetrate più di tanto, rendendole super leggere e croccanti. 

Evitare gli schizzi d'olio 

Durante qualsiasi tipo di frittura, se vogliamo evitare gli schizzi di olio che immancabilmente sporcano la cucina, aggiungiamo degli stuzzicadenti di legno nella padella che andranno ad assorbire l'umidità del cibo che andremo a friggere.

Pangrattato sempre fresco

Quante volte vi è capitato che una ricetta richieda il pangrattato? A me spesso. In passato, inoltre, il pane raffermo che avevo tostato, grattugiato e conservato in un contenitore, si era rivelato la “casa perfetta” per una bella famigliola di farfalline del cibo…..ahimè’! Una mia cara amica mi consigliò di aggiungere una foglia di alloro dentro il vasetto del pangrattato per tener lontano le odiose bestioline e devo dire da allora non ho più avuto ospiti indesiderati.

Come conservare le erbe aromatiche

Invece per mantenere fresche più a lungo le piante aromatiche in foglia, come il prezzemolo, il basilico e quant’altro, utilizziamo un bicchiere grande con dell’acqua, dove metteremo le nostre erbe, proprio come fossero un mazzetto di fiori, conservandole poi in frigo coperte da una busta di plastica. In questo modo le nostre erbe si manterranno fresche e pronte all’uso per circa una settimana.

Un altro metodo di conservazione di queste erbe, sempre ottime in cucina per dare più sapore ai nostri piatti estivi, è quello di farne un trito, da porre dentro il vassoio dei cubetti di ghiaccio, coperti da un po’ di olio d’oliva e conservarle in freezer per utilizzarle poi in qualsiasi momento.

Avocado maturo fai da te

Ma quanto buono è il guacamole fatto con morbidi e cremosi avocado? Molto spesso però troviamo questi frutti ancora un po’ duri per poterli degustare nell’immediato, e allora anche qui ci pensa Patty con una scorciatoia, anzi due!

La prima consiste nell’accelerare i tempi di maturazione dell’avocado, ponendolo dentro un sacchetto chiuso in compagnia di una mela, o banana o kiwi, in modo che quest’ultimi, possano sprigionare l’etilene (ormone vegetale gassoso) che lo renderà pronto al consumo.

La seconda scorciatoia consiste invece nell’utilizzo del forno a microonde: basta infatti tagliare a metà l’avocado e avvolgerlo nella pellicola prima di “ammorbidirlo” con 30 secondi di calore e il gioco è fatto!

Quando mancano le uova

Abbiamo voglia di fare una ciambellona o torta da mangiare a colazione o merenda, ma ahimè ci accorgiamo che siamo a corto di 1 uovo? No problem, basta sostituirlo con mezza tazza di mousse di mela o pera oppure con dello yogurt. Il nostro dolce sarà altrettanto soffice e gustoso.

Pulire la borraccia 

Nella fretta è facile dimenticare di risciacquare subito la borraccia che conteneva del succo di frutta o la nostra bevanda preferita, lasciando poi la stessa, macchiata e con residui appiccicati non facili da pulire. Un rimedio facile è quello di riempire la borraccia con una tazzina di chicchi di riso, del detergente per piatti ed acqua calda e shakerare vigorosamente, in modo tale che i chicchi di riso possano smuovere quelle particelle difficili da raggiungere.

Se vi fa piacere condividere i vostri shortcuts o scorciatoie, non esitate a scrivermi su IG @cipensapatty