Milleunadonna

Quelle reazioni "poco cristiane" e la risposta delle Orsoline alle polemiche sull’addio alla tonaca di Suor Cristina

Il silenzio e i “no comment” delle ex consorelle di Cristina Scuccia hanno alimentato una polemica nutrita pure da un post dell’ex monaca

TiscaliNews

Dovremo imparare a chiamarla Cristina Scuccia dimenticando quel “suor” che prima precedeva il suo nome. L’ex protagonista in tonaca di The Voice è ora una semplice donna con un passato diviso fra il monastero e il mondo dello spettacolo, e un futuro tutto da scrivere. La 34enne siciliana ha raccontato del suo addio all’ordine delle Orsoline cui apparteneva come di un’evoluzione, ma è facile immaginare che sia stata una decisione sofferta. Del travaglio, suo e delle consorelle che sono state a lungo la sua famiglia, il pubblico può solo intuire l’intensità per questo ha stupito il post che la cantante ha messo online nel suo profilo Instagram nuovo di zecca.

I commenti al veleno

Un post secco, senza suoi commenti ma che proprio per questo ha dato origine a interpretazioni polemiche. Nell’immagine pubblicata da Cristina Scuccia, una foto combinata di un prima e un dopo, si legge solo un titolo: “Le parole delle Suore Orsoline della Sacra Famiglia in merito alla scelta di Suor Cristina di lasciare il convento: ‘Suor Cristina? Non abbiamo nulla da dire. Non c’è proprio niente di cui parlare’”. L’assenza di chiavi di lettura che Scuccia avrebbe potuto fornire ha però alimentato una reazione anche scomposta da parte di alcuni follower con commenti che avevano davvero poco di cristiano. Commenti prontamente cancellati da parte della titolare del profilo e nel quale ora si leggono solo osservazioni comprensive: “Ha fatto una scelta in quanto libera di farlo! Chi meglio di lei può spargere la parola di dio? Anche se non e più suora avrà sempre più esperienza di tutti noi”, scrive una follower seguita poi da un’altra: “Ma uno può fare quel c***o che vuole nella vita?! Mille volte meglio questa scelta che tanti 'venditori' che passano una vita di menzogna e magari sono anche persone che fanno cose orribili..!”

Il prima e il dopo

Ma c’è poi chi passa ad analisi più approfondite mettendo in luce la vita di sacrificio che Cristina ha abbandonato e che è emersa nell’intervista concessa al Verissimo di Silvia Toffanin: “Io sono con Suor Cristina. Ha fatto bene se non si sentiva più di essere suora. Mi ha fatto molta tenerezza quando ha detto nell'intervista che tornata a casa per via del fatto che il padre stava male ha detto che il solo fatto di mangiare quando voleva e di mettere il pigiama per mangiare era per lei qualcosa di eccezionale. Secondo me molti estremismi si dovrebbero rivedere infatti continuerà anche ora a portare la sua fede nel mondo”.

La risposta della Madre delle Orsoline

Possibile che l’ex Suor Cristina abbia cercato con quel post proprio questo di tipo di comprensione? Oppure voleva davvero innescare una polemica con la sue ex consorelle? Una cosa è certa: la Madre Generale delle Suore Orsoline della Sacra Famiglia si è sentita in dovere di rispondere a quanti hanno accusato lei e il convento di indifferenza e di animoso distacco: "Mi dispiace che la stampa nella difficoltà di dare risposte al telefono abbia colto distacco e indifferenza da parte nostra per la scelta di Cristina. Siamo certamente dispiaciute di non averla più tra noi, ma comprendiamo e rispettiamo la sua decisione e le auguriamo tutto il bene possibile per il suo cammino. La sentiremo sempre una nostra sorella e l'accompagneremo con l'affetto e con la preghiera". Così Madre Carmela Distefano in una dichiarazione proprio in merito alla decisione di Suor Cristina che ha lasciato la vita consacrata per riprendere il nome di Cristina Scuccia.

Se il silenzio non basta

Inequivocabilmente un modo per sottrarsi a polemiche cui certamente non sono avvezza e che forse non immaginavano di alimentare sottraendosi al clamore mediatico scatenato dalla notizia dell’abbandono della vita monacale di Scuccia. Un modo per ribadire il silenzio con il quale sembra abbiano deciso di affrontare l’addio a una compagna. Quale tormento possa esserci stato dietro questo distacco forse non lo sapremo mai, a meno che non voglia essere la stessa Cristina a raccontarlo in modo chiaro e inequivocabile.