Si può parlare a scuola di omosessualità? C'è Francesca Vecchioni e scoppia la polemica. Intervista alla preside

Si può parlare a scuola di omosessualità Cè Francesca Vecchioni e scoppia la polemica Intervista alla preside

Ascolta l'articolo

Leggi più veloce

“Ho raccontato le tappe più importanti della vita affrontate dal punto di vista di una donna che ama le donne, e che sulla naturalezza delle proprie emozioni, sulla consapevolezza di sé, e la convinzione che l’omosessualità non debba essere considerato un problema, ha costruito tutta la sua battaglia di civiltà”. Così scrive Francesca Vecchioni, figlia del cantautore Roberto Vecchioni e della scrittrice Daria Colombo, nel presentare il suo libro “T’innamorerai senza pensare…”. Un libro che racconta la sua omosessualità senza sensazionalismi ma anche senza reticenze: sincero, diretto e per questo efficace. Eppure proprio questo libro e l’incontro con la sua autrice previsto nell’Istituto Superiore Fermi –De Titta di Lanciano il prossimo 1 aprile ha suscitato un vespaio di polemiche. A essere criticato da parte del Collettivo Studentesco di Lanciano è stata l’iniziativa della dirigente scolastica dell’istituto, Daniela Rollo, che ha mandato una circolare in cui “considerato che il libro tratta di argomenti inerenti i diritti civili quali la differenza di genere e la diversità sessuale” si chiedeva alle famiglie se “tale iniziativa è considerata consona alla personale sensibilità”. Ma è proprio questa iniziativa che non è piaciuta al Collettivo Studentesco: Riccardo Ferrante, rappresentante di Istituto e coordinatore del Collettivo, ha dichiarato al Corriere della Sera: “Finora mai è stato chiesto alcun tipo di permesso. Riteniamo assurda questa situazione perché la scuola non può e non deve far pensare ai propri studenti che si possa essere favorevoli o contrari alle differenze di genere e alle tematiche LGBT. Questi argomenti esistono e a scuola vanno affrontati senza fingere la loro inesistenza e la loro opinabilità”.

Ecco perché Tiscali.it ha intervistato la dirigente scolastica Daniela Rollo che prima di tutto ci ha tenuto a fare una precisazione: “Io non ho chiesto nessuna autorizzazione, come può lei stessa verificare se legge la circolare. Quello che ho chiesto di conoscere è il parere da parte delle famiglie riguardo a temi delicati quali la differenza di genere. Punto”.

Perché?
“Da parte mia non c’era la volontà di non fare l’incontro. Ma volevo essere rispettosa delle sensibilità di tutti e quindi sapere cosa ne pensavano i genitori nell’ottica del dialogo scuola-famiglia. Tutto qui”.

Quale è stato il parere delle famiglie?
“Ho saputo che i genitori non hanno riscontrato di doversi opporre alla cosa. E quindi l’incontro si farà con buona pace di tutti”.

È stata lei a organizzare questo incontro?
“No, mi è stato chiesto di poter ospitare l’autrice nell’ambito di un’altra manifestazione che l’ha contattata. E io ho accettato di organizzare l’incontro con le classi. Lei sa meglio di me che a livello nazionale ci sono tante polemiche, tante contestazioni anche a livello politico. E io, visto che sono una persona che legge i giornali, nell’ottica del rispetto di tutti ho preso questa iniziativa”.

Lei parteciperà all’incontro?
“Perché no?”.

Ha letto il libro?
“Sì e l’ho trovato bellissimo. Anzi ne comprerò diverse copie per darle agli studenti in modo che possano leggerlo e arrivare informati all’incontro”.

14/03/2017