logo tiscali tv

Una ragazza di Cagliari al Gran Ballo viennese: una serata da favola con una finalità per niente fiabesca: la lotta alla violenza di genere

Il Charity Ball, che avrà luogo sabato 28 ottobre al St. Regis Rome, quest'anno sosterrà i progetti dell'Associazione Frida - donne che sostengono le donne

Foto Ufficio Stampa

di Redazione

Leggi più veloce

L’orchestra dal vivo che suona il valzer, gli abiti fiabeschi, la sala da Ballo del maestoso St. Regis Rome, ma soprattutto l’emozione unica delle giovani principesse e dei loro cavalieri. Il Gran Ballo viennese di Roma è un tuffo in una favola senza tempo. Questa atmosfera magica diverrà realtà sabato 28 ottobre quando la Ritz Ballroom del St. Regis Rome, prima sala da ballo di Roma, farà da palcoscenico alla XV edizione.

La serata sarà condotta da Marianna Taormina, la giovane siciliana che nel 2018 ha indossato la fascia di Miss Sorriso e l’anno seguente ha rappresentato l’Italia al celebre Opernball di Vienna. Vincenza Ada Marini, 21 anni studentessa universitaria di Cagliari rappresenterà la Sardegna.              

Una serata da favola contro la violenza sulle donne

La novità importante di quest’anno è che il Charity Ball sosterrà le importanti attività dell’Associazione “Frida - Donne che sostengono donne”. Frida nasce nel 2008 dalla forza e dalla volontà di un gruppo di donne con specializzazioni differenti, opera in collaborazione con le istituzioni per la prevenzione ed il contrasto della violenza di genere, fornisce accoglienza e sostegno a donne vittime di violenza e realizza azioni di sensibilizzazione e formazione sulle tematiche di genere

Chi sono le partecipanti e i partecipanti al Gran Ballo Viennese di Roma?

Di certo ragazze lontane dai modelli proposti oggi. Tenaci, determinate e libere “sognatrici” in grado di sfidare il mondo e le sue convenzioni. L'età delle giovani partecipanti è compresa tra i 16 e i 25 anni provenienti da tutta Italia, pronte a volteggiare sulle note dei più famosi Valzer di Strauss e accompagnate dai loro cavalieri, appartenenti al 1° Reggimento Granatieri di Sardegna, dell’Esercito Italiano. L’appuntamento da fiaba, tra i più attesi della stagione autunnale, è l’apice di un “format esperienziale" creato nel 2007 da Elvia Venosa e oggi trasformato in una realtà associativa consolidata: Associazione di Promozione Sociale (APS) Gran Ballo Viennese di Roma.

Modelli alternativi

Come detto sopra, ragazze e ragazzi fuori dal coro. Ma è tutt'altro che facile non aderire ai canoni estetici e comportamentali proposti dalla società odierna. Questo modo di essere comporta “l’esclusione”, l'emarginazione sociale che in giovane età ha dei costi altissimi. 

Una realtà nata dal desiderio di raccontare l’esperienza di circa mille tra ragazze e ragazzi che hanno partecipato in questi anni al Ballo, con l’obiettivo di offrire un’alternativa alle nuove generazioni che non si riconoscono nei modelli sociali predominanti prendendo ad esempio la settimana di preparazione che precede l’evento stesso. Nonostante l’incessante battage mediatico, a cui assistiamo quotidianamente, su temi legati al gender gap, all’inclusione, al bullismo, troppo spesso proprio le giovanissime che incontriamo hanno gravi difficoltà a far sentire la propria voce. 

Valori considerati fuori tempo

Credere in valori come romanticismo, gentilezza, corteggiamento, rispetto reciproco, altruismo, condivisione può far sentire questi ragazzi e ragazze mosche bianche. Lo scopo dell’Associazione è creare per loro dei momenti di incontro, delle occasioni speciali, anche attraverso il ballo di coppia, in cui incontrarsi, conoscersi e riconoscersi, fare amicizia nel modo più semplice e naturale possibile.

Una settimana impegnativa

L’evento non si limita esclusivamente alla serata di Gala, ma come ogni anno, sarà preceduto da una settimana impegnativa e ricca di emozioni durante la quale per le partecipanti si alterneranno: lezioni di Bon Ton, svolte dall'Accademia Italiana di Galateo, ma anche di Make-up, con Pablo Gil Cagnè. Accompagnate dai rispettivi cavalieri, le ragazze, seguiranno lezioni di Valzer curate dal Maestro Fabio Mollica che, sin dalla prima edizione, si fa garante di coreografie da sogno. Grande novità di questa edizione l’importante collaborazione con la Sensual Dance Fit, il primo programma di danza e motivazione ideato dalla ballerina, coach internazionale ed imprenditrice Carolyn Smith e dedicato a tutte le donne, senza distinzioni: un progetto concepito per aiutarle a ritrovare la propria sensualità e femminilità attraverso semplici passi di ballo e movimenti di fitness. Grazie a questa collaborazione le ragazze parteciperanno ad una lezione creata appositamente per loro con l'insegnante certificata SDF - Serena Stagni

Gli ospiti, presenti alla serata di Gala, avranno la possibilità di immergersi nelle magiche atmosfere dei balli viennesi e danzare sulle note di un repertorio eseguito da un’orchestra dal vivo. Una serata unica, un crescendo di emozioni, che conquisterà ogni singolo spettatore. 

Il Charity Ball più glamour della Capitale è realizzato con il patrocinio della Città di Vienna, dell’Ambasciata d’Austria in Italia e del Ministero della Difesa Austriaca.

Gran ballo viennese di Roma


27/10/2023