logo tiscali tv

Letizia Toni: “Io e Gianna Nannini unite più che mai. Ecco a cosa ho rinunciato per fare l'attrice”

Intervista all’interprete della serie Netlix "Sei nell'anima" premiata ai Nastri d’Argento come attrice rivelazione dell’anno per avere vestito i panni della rockstar

Video intervista Letizia Toni

Leggi più veloce

Letizia Toni è la giovane e perfetta interprete di Gianna Nannini nel film tv Netflix “Sei nell’anima”, un ruolo che le ha fatto fare il grande salto di popolarità dopo una serie di partecipazioni in varie fiction. Con una capacità di immergersi anima e corpo nella cantante, Letizia ha dato prova di grandi doti, anche canore oltre che recitative.

La soddisfazione di interpretare Gianna Nannini

La intervistiamo a Napoli dove sabato primo giugno ha ricevuto il Nastro d’argento come attrice rivelazione dell’anno proprio per questo film in una serata dove sono state premiate le migliori fiction dell’anno.
“Interpretare Gianni Nannini - spiega - è stato per me molto importante, un personaggio che mi ha dato una grande spinta, anche il canto è stato una grande prova. E poi l’evoluzione del personaggio di Gianna mi ha permesso di passare da uno stato all’altro, di sperimentare in maniera totalizzante e per un attore questo è una bella soddisfazione”.

Foto Ansa e Instagram

Gianna e Letizia hanno in comune molte esperienze, tra cui quella di essere andate contro il volere della famiglia da ragazze. Gianna (di Siena) fin da piccola voleva fare la cantante e appena ha potuto è scappata dalla casa e dall’azienda (dolciaria) di famiglia per rincorrere il suo sogno. Letizia (di Pistoia) è figlia di imprenditori nel settore florovivaistico e ha lasciato la famiglia per cercare di diventare attrice contro il parere dei genitori che “non credevano fosse un lavoro”. “Anche io come lei ho mollato l’azienda di famiglia per seguire il mio percorso - racconta - ma ci ho messo più tempo di lei ad andarmene, avevo più anni, però spero di riuscire a seguire tutte e due le strade, la carriera di attrice e anche l’azienda di famiglia. I miei genitori non comprendevano quello che stavo facendo, però quando hanno visto che cominciavo a ingranare piano piano hanno preso fiducia”. 

La somiglianza fra Gianna e Letizia

La vita di Gianna è stata anche ribellione, eccessi, follie. Un po’ in questo le assomigli? “Mi piace sperimentare, sono curiosa, però non mi metto mai in situazioni rischiose, ci penso, sono meno istintiva di Gianna, lei ha uno spirito pazzoide, folle”.

La rocker ha un’immagine di persona un po’ dura, ispida. Con te come è stata? “E’ una cosa che si dice, ma non è vero. Lei incarna la rivoluzione nel campo della musica e non solo. In questo senso ha dovuto uscire dai canoni, imporre la sua personalità con forza e magari questo atteggiamento è risultato un po’ spigoloso, invece è una persona dolcissima, che si è messa a totale disposizione per il mio lavoro”.

Nella serie le assomigli molto, come aspetto e nelle movenze. Ti ha aiutato anche il fatto di essere toscana… “Si, il nostro suono, il nostro modo di muoversi è simile. E poi è stata lei che mi ha incoraggiato a cantare: non era previsto che cantassi io, un giorno mi ha sentito, e mi ha detto ma canta te che ce la puoi fare… così ho fatto diversi mesi di studio… Comunque, non credo che seguirò la strada del canto però se ci sarà da interpretare qualche personaggio che canta mi farebbe ancora piacere”.

E con Gianna vi sentite? “Siamo rimaste in contatto, si è sviluppato un bel rapporto di amicizia”. 

06/06/2024