Milleunadonna

Punite dalle austriache: le azzurre della Nazionale di Milena Bertolini battute di misura

Si spera nel nuovo incontro: capitan Gama e le compagne torneranno in campo martedì a Belfast per affrontare l'Irlanda del Nord

Sconfitta di misura per le Azzurre di Milena Bertolini nell'amichevole disputata contro l'Austria: un gol di Hickelsberger-Fuller ha regalato il successo alle ospiti al termine di una gara in cui la Nazionale Italiana non è parsa in gran forma; capitan Gama e compagne torneranno in campo martedì a Belfast per affrontare l'Irlanda del Nord.

“Nella prima mezz’ora abbiamo fatto bene, poi purtroppo abbiamo subito il gol che ci ha un po’ impaurite - ha dichiarato Milena Bertolini dopo il fischio finale – nel secondo tempo ho visto una buona reazione, abbiamo avuto varie occasioni da rete e siamo riuscite a mettere in grande difficoltà l’Austria. Stiamo facendo fare esperienza alle giovani che si stanno mettendo in mostra in campionato e sono contenta del loro contributo. In vista del match di martedì lavoreremo sulla fase offensiva, per continuare a crescere dobbiamo essere più ciniche”.

Italia- Austria 0-1 (0-1 pt)

Rete: 43’ Hickelsberger-Fuller (A)

Italia (3-5-2): Durante; Bartoli, Linari, Filangeri; Bonansea, Caruso (dal 53’ Giugliano), Rosucci (dal 65’ Rosucci), Galli (dall’81’ Simonetti), Boattin; Giacinti (dall’81’ Cantore), Polli (dal 65’ Girelli). A disp: Aprile, Giuliani, Cafferata, Merlo, Salvai, Soffia, Glionna, Cantore. Ct: Milena Bertolini.

Austria(4-5-1): Zinsberger; Wenninger, Georgieva, Wienroither (dal 71’ Kirchberger), Hanshaw; Dunst, Zadrazil, Feiersinger (dall’88’ Klein), Puntigam, Hickelsberger-Fuller (dal 71’ Kolb); Billa. A disp: Kresche, Pal, Vienerroither, Felix, Campbell, Brunmair, Wenger, Schasching, Naschenweng. Ct: Irene Fuhrmann

Arbitro: Esther Staubli (SUI). Assistenti: Susanne Kueng (SUI) e Linda Schmid (SUI). Quarto ufficiale: Stefania Menicucci (ITA).

Nazionale U23

Una prodezza di Gallazzi ha consentito alla Nazionale femminile U23 di battere per 1 a 0 il Portogallo nella prima delle due amichevoli in programma in queste settimane in cui i campionati di A e B sono fermi: le ragazze di Nazarena Grilli hanno faticato molto a scardinare il muro innalzato dalla difesa lusitana ma ci ha pensato Gallazzi, con un destro al volo a sette minuti dal termine, a regalare il prestigioso successo alle Azzurre. Nuova amichevole oggi alle 14.30 a Coverciano contro le pari età dell'Inghilterra (gara trasmessa in diretta streaming sul sito della FIGC).

Le parole della c.t. Nazzarena Grilli a margine della vittoria contro il Portogallo: "Sono felice per tutto il lavoro svolto dallo staff, ma soprattutto sono contenta perché le ragazze stanno avendo un percorso di crescita: siamo a stretto contatto con la Nazionale maggiore e cerchiamo, attraverso queste partite, di preparare le ragazze verso l’obiettivo dell’azzurro proprio della Nazionale A”.

Nazionale U17

Prosegue il percorso di amichevoli pre Europeo della Nazionale under 17 femminile di Jacopo Leandri: le azzurrine hanno sostenuto una doppia sfida contro le pari età della Danimarca ottenendo una vittoria ed una sconfitta. Nel primo match disputato giovedì scorso a San Giuliano Terme le Azzurrine, dopo essere state sotto di due gol, hanno vinto in rimonta 3 a 2, in virtù dei gol messi a segno da Pellegrino Cimò, Mutti e da Sciabica che con un rigore al novantreesimo ha completato il sorpasso. Completamente diverso l'andamento del match di sabato scorso disputato a Tirrenia dove le danesi hanno rifilato la "manita" alle Azzurrine, battute con un sonoro 5 a 1.

"Abbiamo fatto tanti esperimenti e tanti cambi rispetto alla prima partita - le parole a fine gara del tecnico Jacopo Leandri -. Ma le amichevoli servono proprio a questo, per provare nuove giocatrici e nuove soluzioni. Dispiace però per la sconfitta e perché subire cinque gol non fa piacere a nessuno".

Leggi anche

La calciatrice Nice Matiz: “Così concilio il lavoro in fabbrica, lo studio e gli impegni calcistici"

Antonella Milella: "La mia passione per il calcio è stata più forte dei pregiudizi"

Yesica Menin, dall'Argentina a San Marino: “Sono diventata calciatrice ispirandomi a mio fratello. La mia ricetta per il successo"

La portiera laureata con 110 che a un mese dal parto era già in campo

“Inseguo i miei sogni, allontanando i ricordi di un lontano passato da incompresa”, l’intervista a Gaia Rizzioli

L’allenatore in carrozzina: “In Italia il 'diverso' fa paura". E svela la grave umiliazione che ha subito